Nell'Oriente Misterioso

Ritorno a Costantinopoli

1831

Gennaio

4
A sera sbarco a Costantinopoli. Wilkinson e McIntyre si recano con gli uomini di Nikos da padre Castiglione e gli consegnano il denaro. Aristoteles chiede di vedere padre von Ribbentrop ma Castiglione accampa scuse e rimanda il tutto al giorno successivo dicendo che il Generale Gesuita è molto impegnato a corte.
Wilkinson visita Madame d’Alembert, scoprendo che ella ha trasformato la sua dimora in un orfanotrofio e ha fatto voto di dedicare la sua vita alla cura dei bambini bisognosi. Amelie si nega a Wilkinson e lo implora di ritrovare Dimitrios, ancora nelle mani dei dervisci.
McIntyre fa recapitare un biglietto a Holmwood.

5
A mattina Holmwood riceve McIntyre e Wilkinson che tentano di comporre gli screzi con l’ufficiale e propongono, visto il clima a Costantinopoli, di riciclarsi come suoi uomini in Cina, chiedendo a tal fine una lettera di raccomandazione alle autorità locali. Holmwood dice che deve consultarsi con l’ambasciatore sulla questione e dà appuntamento ai nostri un altro giorno.
Padre Castiglioni incontra von Ribbentrop e, senza accennare minimamente alla questione dei soldi, afferma di aver ricevuto una vocazione e di voler partire per la Cina, e chiede quindi licenza al suo Generale. Nel frattempo chiede a padre Quattrocchi di raccogliere dei libri utili sull’argomento della Cina.

View
Secondo incontro con Nikos

Dicembre

29
Un uomo di Nikos viene a prelevare i Wilkinson, McIntyre, Spyros, il Cin e Shaka Khan a Karakaya e li accompagna, insieme al loro campionario, per una stretta mulattiera sino a un casolare isolato, dove incontrano Aristoteles e altri uomini di Nikos. Segue una trattativa sull’acquisto di armi, in cui i pirati richiedono fucili e cannoni di fabbricazione occidentale. I nostri chiedono e ottengono un colloquio con Nikos per discutere “altre proposte” di natura politica e confidenziale. Ci si imbarca quindi su un peschereccio per raggiungere l’isola dei pirati.

30
All’alba la nave dei pirati raggiunge l’isola di Nikos, dove i nostri hanno un colloquio con il celebre ammiraglio pirata a colazione. Wilkinson e McIntyre raccontano della loro fuga da Costantinopoli per colpa dei dervisci Mevlevi, e del loro rifugio a Nauplia, e ricordano a Nikos il suo debito con la Chiesa Cattolica di Costantinopoli. Qui fa il passo falso di proporre l’omicidio di Petrobey, cosa che fa infuriare Nikos, che lo considera un eroe e un alleato. Nikos accetta di inviare Aristoteles e altri due uomini con le 7000£ che ha promesso di restituire alla Chiesa Cattolica, ma chiede ai nostri il loro supporto nell’assassinare Ibrahim Pascià, per vendicare i Greci di Costantinopoli e utilizzare il suo tesoro per la l’Indipendenza. I nostri, loro malgrado, accettano, e si imbaracano su due navi in direzione di Costantinopoli.

View
Ritorno a Karakaya

Dicembre

27
A sera Wilkinson e il Cin organizzano un combattimento tra Shaka Khan, e la più forte delle guardie Ottomane, convincendole di cercare solo uno spettacolo e una punizione per il loro schiavo indisciplinato. Davanti a una platea di Greci, Shaka Khan riduce malamente il suo avversario, guadagnandosi l’ammirazione del pubblico e l’ostilità della guarnigione Ottomana.
28
L’ Elena raggiunge il villaggio di Karakaya, dove viene accolta con benevolenza dagli abitanti e dal pope Elefterios. I nostri fanno chiamare un uomo di Nikos.

View
Navigando tra Frontiere Marine

Dicembre

27
Spyros, McIntyre, Wilkinson e il Cin salutano i Russi e tornano alla loro nave, dove li aspetta Shaka Khan. La mattina, dopo aver tenuto mercato, Spyros ordina di fare vela verso oriente.
Nel primo pomeriggio i nostri si rendono conto di avere davanti a sé la HMS Winchester, con cui scambiano nuovamente battute. Gli Inglesi informano i commercianti che sono seguiti dalla Svjataja Varvàra, e si informano sul loro possesso di una licenza di commercio Ottomana, senza la quale si può andare incontro a grossi problemi. McIntyre e Spyros mentono spudoratamente ma il capitano Willis decide comunque di scortarli oltre la frontiera per la loro sicurezza.
La nave approda in serata sull’isola Ottomana di Leros: McIntyre corrompe gli ufficiali del porto, che ignorano la mancanza di documenti e compiono un’ispezione sommaria della stiva.
Per festeggiare il successo del passaggio della frontiera, Wilkinson propone un’esercitazione alla pistola con una mela: il Cin propone a Iolao di fare da sostegno per la mela, per dimostrare il suo coraggio, ma questo tergiversa, aiutato dal Dottore e da Spyros. Il Cin pone la mela sul proprio capo e Wilkinson la centra alla perfezione, senza ferire il compagno.

View
Santo Stefano sulla Svjataja Varvàra

Dicembre

26
Wilkinson, McIntyre, Spyros e un indebolito Cin salgono al monastero della Hagia Hozoviotissa, dove incontrano gli ufficiali di bordo della Svjataja Varvàra, la fregata russa. Il capitano, Evgeniy Karenin, li invita a bordo per cena. Qui, tra un brindisi a vodka e uno a whiskey, e tra svariate mani di carte, i presenti fanno amicizia. Il capitano Karenin in particolare discute con Spyros proponendogli assistenza nel contrabbando di armi verso i Greci di Turchia, utilizzando la sua nave per evitare i controlli Greci e Britannici.

View
Natale alle Cicladi

22
Spyros discute con Mavrokordatos che lo mette in guardia sui suoi progetti di contrabbando d’armi, spiegando che l’unico modo di governare il Paese è quello di disarmare i kapitanoi, sia in Grecia che nell’Impero Ottomano, e rafforzare il potere del governo centrale.

23
Partenza da Nauplia della nave di Spyros, l’_Elena_, con a bordo il Cin, il Dottore, Wilkinson e Shaka Khan. Il Cin porta con sé i suoi due nuovi tirapiedi, Conan e Iolao: nel pomeriggio, per addestrare la sua Legione, Finnegan sfida a combattimento Shaka Khan, che con un solo colpo mal piazzato gli spezza una spalla e gli incrina lo sterno. Il Dottore interviene immediatamente per salvare l’Irlandese, la cui spalla viene medicata e steccata, con una prognosi di almeno un paio di mesi.
La nave supera verso sera le isole di Spetze e Idra, base principale della marina ellenica.

25
La nave di Spyros incrocia vari natanti, per lo più pescherecci e mercantili greci, ma anche di altri Paesi, e a metà pomeriggio incrocia un vascello da guerra britannico, la HMS Winchester. Il Dottore attira l’attenzione dell’equipaggio effettuando un saluto militare e ne ricava un invito a bordo. Qui il capitano Willis e il primo ufficiale Smith lo invitano a prendere un té che diventa un gin, un whiskey e una cena di Natale passata a raccontare storie di guerra. Spyros si informa sulla situazione e Smith si lamenta con lui del contrabbando di armi tra Greci ellenici e ottomani.

26
La nave di Spyros attracca a Chora, un paese sull’isola di Amorgos. Qui il Dottore offre i suoi servigi ai notabili locali, che gli parlano di un monastero sull’isola, che custodisce un’antica reliquia della Madre di Dio scampata ai Turchi mille anni prima dalla Terrasanta, l’Hagia Hozoviotissa. Simili notizie ha Spyros, che si informa con i marinai su anfratti e nascondigli nei paraggi. I nostri decidono di visitare il monastero avvicinandosi via nave ma, al loro arrivo all’imbarcadero da cui una piccola scala tagliata nella roccia sale all’eremo, Shaka Khan individua lontano una nave dalla strana bandiera, che Spyros riconosce immediatamente come una fregata russa.

View
Discussioni sul Futuro

Dicembre

21
La mattina successiva al combattimento Wilkinson e il Cin si trovano a discutere animatamente sui piani futuri da seguire. Wilkinson ci tiene a mettere l’irlandese al suo posto e propone di abbandonare il Mediterraneo e spostarsi in America, mentre il Cin insiste sul suo piano di creare una Legione di Fuoco mercenaria ovunque ci sia una guerra da combattere. Monty, che ha passato la notte all’hotel dei compagni, suggerisce invece di andare ovunque il potere Britannico (e in generale Europeo) sia ancora debole: la Cina è senz’altro la migliore meta, considerata anche la ricchezza del Paese. Il Dottore lo appoggia sull’estremo Oriente e propone l’isola di Formosa, ai confini del Celeste Impero ma un territorio senza legge.
Nel frattempo i nostri ricevono un invito a casa di Spyros per il pomeriggio e la visita di un ufficiale britannico in cerca di Monty, che non si è presentato all’Ambasciata dopo la sua licenza; quest’ultimo viene congedato in malo modo da Wilkinson.

Nel pomeriggio i compagni visitano Spyros che ricorda loro dell’invito di Petrobey a visitarlo per la festa della Candelora, passando via terra “per rendersi conto di quale Paese sia la Grecia”. Spyros propone ai nostri una collaborazione per commerciare armi presso i vari capi Greci.
Wilkinson decide di proporre una prima vendita a Nikos di Nisiros.

Verso sera McIntyre e il Cin visitano il cimitero locale dove acquistano un cadavere fresco dal guardiano e, dopo averlo vestito con i panni di Monty, lo sfregiano e lo buttano a mare simulando la morte violenta del tiratore scelto.

View
Spettacolo al Largo di Nauplia

Dicembre
19
Castiglione si imbarca per Costantinopoli.

20
Combattimento organizzato sull’ Elena_, organizzato da Mavrokordatos e Kanakis. Vengono invitati diversi nobili e potenti dalle regioni vicine, tra cui Petros Mavromichalis, che ha una discussione con Kanakis sulla necessità di non portare armi a bordo. Il mercante riesce con abilità a gestire la situazione ed evitare che gente armata salga sull’_Elena, facendo eccezione solo per una pistola d’avorio (scarica) portata da Petrobey per sottolineare la sua posizione.
Mavrokordatos si scusa con il Dott. McIntyre dicendo di non averlo riconosciuto al loro primo incontro, ma di aver saputo chi è e cosa ha fatto al Phanar da amici; Mavrokordatos stesso dice di essere originario di quel quartiere e offre la sua amicizia al Dottore, che contraccambia.

Shaka Khan ha il battesimo della lotta, scontrandosi con Michail il Maniota, un uomo di Petrobey: lo scontro è accanito ma l’Africano alla fine trionfa, facendo vincede un’ingente somma al suo patrono Wilkinson, in gran parte pagata da Petrobey. Quest’ultimo invita il vincitore della scommessa e il suo protetto, il Cin, a casa sua a Vathia per discutere d’affari, visto che l’iralndese si è presentato a molti come mercenario a disposizione.
Dopo la contro il Dott. McIntyre si offre di visitare Michail, offendendo il medico di Petrobey che prima lo insulta e poi lo assale fisicamente: la disputa degenera in una rissa che lascia contusi molti ospiti e solo per la mancanza di armi a bordo non causa morti.

La serata è comunque considerata un successo diplomatico per Mavrokordatos, che ringrazia Kanakis per l’organizzazione eccellente e per la gestione corretta e trasparente delle scommesse, e Wilkinson per l’idea.

View
Ambientarsi a Nauplia III

Dicembre

15
Wlikinson, Robert McIntyre e Castiglione chiacchierano raccontandosi quello che è accaduto durante la loro lontananza, e progettando insieme di tornare a Costantinopoli e salvare Madame d’Alembert dai suoi aguzzini.
In serata il Dottore e Wilkinson si recano nella dimora di Adolfo Gravina, Ambasciatore delle Due Sicilie, dove trascorrono una piacevole serata tra bicchieri di marsala, cannoli e partite di burraco e briscola, alla musica di un mandolino. L’ambasciatore e il Legato Pontificio Antonio Barbarigo sono tra i principali vincitori della serata, mentre altri perdono una quantità ingente di denaro: tra gli ospiti, vari Greci operanti nell’esercito e nel commercio, un mercante francese e un funzionario dell’ Ambasciata Russa.

View
Ambientarsi a Nauplia II

Dicembre

8
McIntyre invita a cena al Bosco di Dioniso Paul Dorothy e Jean Foucault per conoscerli meglio.

9
Incontro dei medici di Nauplia presso la casa di Jean Foucault. Il Dott. McIntyre propone la fondazione di un Circolo Medico di Nauplia, di cui viene eletto presidente. La serata passa tra proposte d’azione fini a sé stesse, storie di guerra e brindisi cordiali.

10
Il Cin incontra Ulysses, il locandiere della taverna del porto, e ha conferma dell’organizzazione di incontri di lotta sul retro. Ulysses nel tempo libero opera anche come ricettatore e tatuatore.

11
Spyros si accorda con il capitano Phokas per affittare la sua nave per i combattimenti che sta organizzando e la fa allestire per essere all’altezza degli ospiti. Mavrokordatos fissa la data dell’evento al 20 di dicembre.
Incontri di lotta alla locanda del Porto. Il Cin distrugge il suo avversario, David l’Ercole di Nauplia, e si guadagna fama di grande lottatore e un piccolo circolo di ammiratori. Wilkinson vince 3 misere sterline che fatica a riscuotere, mentre Spyros si limita ad osservare e studiare le sue nuove conoscenze.

12
Padre Castiglione sbarca a sopresa a Nauplia. Appena ricevuta la lettera di McIntyre si è imbarcato per la Grecia. Cammina con un bastone d’avorio mostrando segni di sofferenza per la ferita subita, di cui ancora fatica a ricordare i dettagli. Accompagnato da Aziz, trova senza fatica Wilkinson a cui dedica un lungo sermone e a cui relaziona i recenti fatti di Costantinopoli.
Wilkinson, affranto per le sofferenze da lui causate a Madame d’Alelmbert, corre a farsi consolare da Mrs. Galloway, che diventa la sua confidente.
Padre Castiglione prende alloggio presso la chiesa Gesuita, ignorando le regole generali della Compagnia sulle presentazioni ufficiali.

View

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.