Patriarcato di Costantinopoli

L’edificio sede del Patriarca sorge accanto alla Basilica di S. Giorgio. E’ un edificio a due piani delle dimensioni di un piccolo palazzo, in cui alloggiano circa una decina di persone, tutti preti ortodossi. L’edificio è sempre protetto almeno da due guardie greche.

Il Patriarcato di Costantinopoli, fondato nei primi secoli della Chiesa, divenne smepre più importante perché aveva sede nella capitale dell’Impero Romano. I suoi conflitti con il Papa portarono nel 1054 allo Scisma d’Oriente e alla divisione tra Cattolici e Ortodossi: da allora il Patriarca di Costantinopoli è considerato il vescovo principale dei Greci, ciò che di più simile vi sia a un papa. Dopo la conquista Ottomana di Costantinopoli il Patriarcato, originariamente posto presso Santa Sofia, venne spostato nella periferia della città, al Fanar.

Dopo l’ indipendenza Greca, il Patriarca si trova in una posizione scomoda, essendo il capo religioso di una Nazione e avendo sede in una Nazione nemica. Il problema di Costantinopoli è un tema caldo nella politica internazionale, perché sia i Turchi che i Greci la considerano la proria città più importante sia culturalmente che religiosamente.

Patriarcato di Costantinopoli

Nell'Oriente Misterioso Lanfranch Lanfranch